Facebook Share

Share on facebook

Editoriali

Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday35
mod_vvisit_counterYesterday309
mod_vvisit_counterThis week540
mod_vvisit_counterThis month540
mod_vvisit_counterAll428331
Formaggi –Yogurt - Latte Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Mercoledì 24 Ottobre 2012 10:06

Molti studi indicano una connessione fra l'assunzione di latticini e un aumento della massa magra con contemporanea riduzione del grasso, gli ingredienti attivi sono il calcio, che stimola la perdita di grasso, e la vitamina D , che favorisce l'aumento di massa muscolare.

Uno studio recente, di cui eviterò di dare troppi dettagli per brevità, ha esaminato l'effetto dell'allenamento con i pesi e l’interazione con le diete con e senza latticini e con presenza o meno di yogurt. Il test ha ri-testimoniato nuovamente che a parità di dieta e apporto calorico i soggetti che hanno consumato latticini hanno mostrato maggiori guadagni di massa magra e perdita di grasso, ma coloro che hanno assunto yogurt di più, questo studio oltretutto dimostra nuovamente che il sollevamento pesi stimola la perdita di grasso.

 

 

Grazie a questa esperienza ci si è focalizzati sul rapporto tra calcio, latticini e dimagrimento.

 

Come già testimoniato con lo studio precedente i ricercatori dell'università del Kansas, hanno scoperto che assumendo calcio pari a 1 g al giorno, in sei mesi si ottiene un incremento nella  perdita di grasso pari al 50% in più dei soggetti che non ne assumono. Questo fenomeno è imputato al fatto che il calcio aumenta il metabolismo dei grassi durante l'attività fisica. E quindi contrariamente a quel che si dice il formaggio non andrebbe eliminato dalle diete, tranne che nei periodi sotto gara per limitare la ritenzione di sodio.

 

Anche all' ISSN sono stati presentati ulteriori studi sullo yogurt e i latticini ed è stato nuovamente confermato  che grazie alle loro grosse dosi di calcio riescono ad avere un potente potere dimagrante e con la loro vitamina D rappresentano un ottimo alimento ipertrofico. Nello specifico dallo studio presentato pare che assumendo yogurt i livelli di calcio e vitamina D siano balzati alle stelle, e nonostante tutti i gruppi dello studio avessero le stesse calorie e lo stesso apporto proteico il gruppo con lo yogurt ha sperimentato guadagni maggiori di massa, in oltre tutti i soggetti hanno avuto una perdita di massa grassa a dimostrazione.

 

Latte - estrogeni –insulina - IGF-1

 

Ancora una volta le esperienze empirica della dalla pratica ha un riscontro scientifico.

Arnold Schwartzneger affermò che il latte era pieno di estrogeni e che i professionisti lo eliminavano totalmente prima delle gare poiché oscurava la definizione muscolare e tratteneva acqua,  affermando altre si che è un cibo solo buono per i bambini.

Oggi la scienza ci dice che gli estrogeni, così come il testosterone, sono degli ormoni steroidei e che se sono assunti oralmente sono rapidamente degradati dal fegato, tranne nel caso in cui la loro struttura non sia manipolata per bloccare il metabolismo epatico, così come avviene per gli steroidi anabolizzanti.

Studi recenti sostengono che i prodotti derivati dal latte contengono metaboliti attivi degli estrogeni, latte e latticini forniscono il 60-70% degli estrogeni totali derivati dall'alimentazione, purtroppo la maggior parte del latte è prodotto da mucche in gravidanza e questo fa sì che la concentrazione dei estrogeni sia massima, infatti uno studio ha testimoniato che il latte prodotto da una mucca prossima al parto contiene 33  volte la dose di estrone solfato.

Uno studio ha analizzato la quantità di metaboliti degli estrogeni nel latte intero, in quello scremato e nel latticello, la forma più ricca di estrogeni era il latticello mentre il latte scremato era quello che ne conteneva di meno. Va osservato che le dosi dei estrogeni contenute in questa varietà di latte è molto inferiore a quelle presente nei farmaci a base di estrogeni, però non se ne conoscono gli effetti a lungo termine, inoltre dallo studio si è scoperto che il latte contiene tantissimo progesterone che è un altro ormone presente nelle donne.

 

Il latte comunque contiene anche il fattore di crescita insulino simile che come già visto è la proteina anabolica attiva dell'ormone della crescita, il dubbio della correlazione tra latticini e cancro è dato dal fatto che le igf-1 accelera anche la divisione delle cellule e ne previene l'autodistruzione, ma se questi effetti sui muscoli sono positivi non lo sono per nulla in presenza di cellule tumorali attive.  La controversia nasce dal fatto che c'è l'abitudine di somministrare igf-1-ricombinante alle mucche per aumentare la produzione di latte, ma gli ormoni non si disgregano con la cottura e quindi risultano presenti anche dopo pastorizzazione e l'omogeneizzazione e dato che il latte bovino e quello umano sono compatibili è possibile un'interazione.

Negli adulti che bevono latte il livello di igf-1 è superiore del 10/20% e la proteina principale del latte contiene un inibitore della proteasi capace di preservare il fattore di crescita insulino simile dalla disgregazione.

 

Se il collegamento tra latte ed il igf-1 non è ancora stabilito con sicurezza, soprattutto per quanto riguarda i tumori è certo che il rapporto che c'è tra latte e insulina. Infatti benché il latte abbia un indice glicemico basso,  latte e latticini hanno un potente effetto stimolante sul insulina ad eccezione del formaggio stagionato, infatti è stato osservato che aggiungendo 200 ml di latte ad un pasto con indice glicemico ridotto la risposta in insulinica aumenta del 300%.

Ovviamente tutte queste ripercussioni mediche possono tornare a favore del bodybuilder, infatti aumentare il fattore di crescita insulino simile può avere un effetto anabolico, e un eccesso di insulina aumenta l'accesso degli aminoacidi ai muscoli elevando la sintesi proteica ed esercitando l'effetto anti catabolico sui muscoli, non a caso il latte è l'alimento principale nella fase in cui la crescita umana e più rapida e l'assorbimento degli aminoacidi ne è parte integrante, inoltre l'insulina favorisce la rigenerazione delle riserve di glicogeno muscolare tanto che  vari studi dimostrano come bere latte dopo l'allenamento migliori il recupero.

 

Jerry Brainum

Ultimo aggiornamento Giovedì 25 Ottobre 2012 17:12